itnat10

Day 2 Coverage

  • Print


EVENT COVERAGE

  • by Andrea "Vitello" Vitali
    Feature Match
    Round 14 - Luca Ravagli vs Daniel Spanò

  • by Bruno Panara
    Feature Match
    Round 14 - Andrea Giarola vs Andrea Cicolella

  • by Andrea "Vitello" Vitali
    Feature Match
    Round 13 - Alex Rizzato vs Daniel Spanò

  • by Bruno Panara
    Feature Match
    Round 13 - Marcello Calvetto vs. Samuele Estratti

  • by Andrea "Vitello" Vitali
    Feature Match
    Round 12 - Luca Ravagli vs Enrico Torazza

  • by Bruno Panara
    Feature Match
    Round 12 - Alessio Angeli vs. Guido Roccoli

  • by Andrea "Vitello" Vitali
    Feature Match
    Round 11 - Marco Frantuma - Michele Fornasari

  • by Bruno Panara
    Feature Match
    Round 11 - Daniel Spanò vs. Eugenio Nesi

  • by Andrea "Vitello" Vitali
    Sunday, 11:00 AM
    Non solo campionati nazionali

  • by Andrea "Pikappa" Panebianco
    Feature Match
    Round 10 - Guido Roccoli vs. Enrico Torazza

  • by Andrea "Vitello" Vitali
    Sunday, 09:25 AM
    Intervista a Matteo Callegari, HJ dei Nazionali 2010

  • by Bruno Panara
    Feature Match
    Round 9 - Luigi Sbrozzi vs. Eugenio Nesi

  • by Andrea "Pikappa" Panebianco
    Feature Match
    Round 9 - Jacopo Borrelli vs. Stefano Rampini

  • by Andrea "Vitello" Vitali
    Feature Match
    Round 8 - Enrico Torazza vs Alex Rizzato

  • by Bruno Panara
    Sunday, 8:02 AM
    Drafting with Alex Rizzato

  • by Andrea "Pikappa" Panebianco
    Sunday, 8.01 AM
    Drafting with Andrea Giarola

  • by Event Coverage Staff
    Day 1
    Feature Matches, Deck Building and more!

  • by Event Coverage Staff
    Info: Fact Sheet



 
  • Sunday, 8.01 AM: Drafting with Andrea Giarola
    by Andrea "Pikappa" Panebianco
  • Andrea Giarola, fresco top8 al Pro Tour San Juan, drafta al tavolo 2 per la seconda porzione limited di questi nazionali: il tavolo comprende Alessio Angeli e Samuele Estratti, che sono lontani dal milanese come posizione: vediamo che è successo.

    BUSTA 1:

    1) Mind Control su Condemn, Cultivate e poco altro: il controlla creatura blu è decisamente la carta che spicca nella bustina, e non essendoci praticamente altro di blu giocabile qua dentro, lanciando un segnale ben preciso

    2) Doomblade su Howling Banshee e Awakener Druid: manca la rara nel pacchetto, ma il nuovo Terror è decisamente un'ottima pick, Andrea prova ad andare blu-nero

    3) Due ottime pick per l'archetipo scelto: Liliana's Specter su Gravedigger è la scelta

    4) Meglio un 2/3 volante che non blocca i terrestri o una vampira 3/2? Decisamente meglio Cloud Elemental su Barony Vampire

    5) Æther Adept vince la concorrenza di Scroll Thief e Sign in Blood

    6) Un'ottima Ice Cage su Mana Leak e Traumatize

    7) Busta col nulla cosmico: counterpick di Roc Egg

    8) Nether Horror su carte ancora peggiori

    9) Cancel

    10) Maritime Guard

    e poi solo "fuffa", per lo più off-color

    BUSTA 2:

    1) Scelta difficile per Andrea che decide di rimanere coerente col primo giro. In una busta contenente il nulla dei suoi colori, un comunque ottimo Gargoyle Sentinel è la scelta per non switchare sul verde con Garruk Packleader o sul bianco che ha ben tre ottime pick: Blinding Mage, Assault Griffin e Cloud Crusader

    2) Juggernaut la spunta su Augury Owl, Rotting Legion e Phantom Beast

    3) Arriva una sapiente Nantuko Shade, piccata su Wall of Frost, Azure Drake e Mind Rot: ora Andrea dovrà piccare pesantemente il nero per poter sfruttare al meglio la Shade...

    4) Mana Leak su Nether Horror e Harbor Serpent

    5) Unsummon su Stabbling Pain

    6) Counterpick: via un Prodigal Pyromancer su Cancel e poco altro, effettivamente...

    7) Arriva uno Sleep che stampa un bel sorriso in faccia ad Andrea

    8) Bog Raiders su Disentomb, Alluring Siren e Mind Rot

    9) Call to Mind sul nulla

    10) Phantom Monster

    11) Duress

    e poi carte off-color inutili

    BUSTA 3:

    1) In una busta abbastanza ricca per tutti i colori, su Lightning Bolt, Quag Sickness e Water Servant la spunta un Assassinate

    2) Un grassissimo Frost Titan fa ciao ciao con la manina dal secondo booster, relegando una Howling Banshee a comparsa: la bomba risolutiva è arrivata

    3) Unsummon preferito a Flashfreeze e Disentomb

    4) Æther Adept su Foresee, dopo più di un tentennamento

    5) Un Wall of Frost preso in una busta con una curiosa doppia Terramorphic Expanse

    6) Nightwing Shade su null'altro

    7) Un Duskdale Wurm viene contropiccato in una busta ignobile

    8) Diminish su Stabbling Pain

    9) Harbor Serpent

    poi nient'altro di rilevante se non un Flashfreeze come 11° pick per la sideboard.

    Il primo match viene perso contro Alessio Angeli in un mirror di UB, ma il mazzo ha le potenzialità per riprendersi: staremo a vedere.



     
  • Sunday, 8:02 AM: Drafting with Alex Rizzato
    by Bruno Panara
  • Il primo draft ha premiato molti giocatori di qualità, ed infatti al tavolo 1 di questo secondo draft possiamo riconoscere diversi giocatori di talento: Mario Pascoli, Guido Roccoli, Alex Rizzato, Nicola Grimal e l'unico 7-0 della giornata, Enrico Torazza. Seguiremo il draft dell'altro giocatore imbattuto, il friulano Alex Rizzato, che si presenta con sei partite vinte ed una patta. Alex è seduto alla sinistra di Federico Ronchi e a destra di Enrico Torazza.

    La prima bustina offre poche carte di qualità, e dopo aver brevemente contemplato un Gladiator Cyclops, viene pickato Quag Sickness. Meglio la qualità nel booster che viene passato: Shivan Embrace, Sylvan Ranger, Cloud Elemental, e Brittle Effigy, con la scelta che ricade su quest'ultima. Al terzo si sceglie la consistenza di Gravedigger, lasciando passare Pyroclasm. Jace's Ingenuity è l'unica carta giocabile del quarto pacchetto, mentre nel quinto Cultivate è il pick sopra al gigantesco Demon of Death's Gate. I pick successivi lasciano ancora aperti tutti e tre i colori scelti finora con Flashfreeze, Garruk's Companion e Terramorphic Expanse. C'è ancora tempo per un paio di carte nere e verdi: Prized Unicorn, Diabolic Tutor, Nether Horror e Demon of Death's Gate.

    La scelta dei colori Golgari viene confermata quando il primo pick della seconda busta vede Alex scegliere Yavimaya Wurm, dopo aver brevemente considerato Rise from the Grave, ma quasi ignorato Azure Drake e Ice Cage. La seconda bustina recapita un regalo sotto forma di Overwhelming Stampede con poco altro, la terza vede arrivare il secondo Cultivate su Sacred Wolf. Tra un altro Lupo, Sylvan Ranger, Llanowar Elves, Foresee ed Whispersilk Cloak e Nightwing Shade la scelta ricade sul volante. L'armata aerea si rafforza con Howling Banshee e Liliana's Specter. Due buone scelte al settimo pick: Quag Sickness viene preferita a Black Knight. Gli ultimi pick sono Giant Spider, Sign in Blood, Mind Rot e Llanowar Elves.

    Il mazzo inizia a prendere forma e il terzo giro offre dei buoni rinforzi. Il primo pick è il secondo Liliana's Specter, che viene preferito al Duskdale Wurm. Poi Spined Wurm al secondo, ma il doppione del wurm che c'è nella terza bustina viene passato in favore di Cudgel Troll. Sylvan Ranger viene preferito ad altri Rise from the Grave e Yavimaya Wurm. La quinta busta offre solo Naturalize, e la successiva Barony Vampire. L'unico altro pick degno di nota è un Garruk's Companion all'ottavo.

    Il mazzo che ne esce è un verde nero abbastanza solido, con delle creature affidabili e qualche removal, oltre ovviamente a Overwhelming Stampede, che può vincere partite da sola. Alex è contento ma avrebbe preferito avere almeno un'altra carta con il potenziale di ribaltare la partita.

    Alex Rizzato
    2010 Italy National Championships - Draft 2



     
  • Sunday, 08:07 AM: Feature Match Round 8 - Enrico Torazza vs Alex Rizzato
    by Andrea "Vitello" Vitali
  • All'inizio del secondo giorno dei nazionali 2010 di Magic si incontrano al tavolo del feature match gli unici due giocatori imbattuti del torneo, il torinese Enrico Torazza con un record di 7 vinte e nessuna sconfitta, e Alex Rizzato da Udine con 6 vinte e una patta.

    Alex vince il sorteggio e decide di far iniziare l'avversario. Un Goblin Piker di Enrico viene fornteggiato da una Sylvan Ranger (che prende una foresta). Non contento della landa presa, Alex gioca anche un Cultivate (prendendo due swamp). I primi danni vengono inflitti da un Cloud Elemental, di enrico che si accompagna ad un Berserk of Blood Ridge. Alex Cala un Yavimaya Wurm, chumblocca e inizia la riscossa col il bestione 6/4 travolgere, non prima di aver fatto scartare con un Mind Rot una Ice Cage ed una Maritime Guard. Poi arriva un Diabolic Tutor, con cui prepara la finisher (Overwhelming Stampede). Enrico non demorde e continua ad erodere i punti vita l'avversario. E fiutando il pericolo a causa del tutore si getta alla ricerca di una soluzione con un Foresee, trovandola in un Lightning Bolt. Quando Alex gioca la stregoneria verde, il fulmine si prende cura di un Prized Unicorn, trasformando così una sicura vittoria in una rapida sconfitta. In flood totale di terre Rizzatto è costretto ad arrendersi dopo averne pescate ulteriori due con un Sign in Blood.

    Enrico Torazza 1 - Alex Rizzato 0

    Enrico alla perenne ricerca di soluzioni!

    "C'è una sola montagna che mi guarda" dice Enrico, mentre rimanda indietro le sette carte iniziali. Entrambi i giocatori iniziano il game con una Terramorphic Expanse (isola per Torazza e foresta per Rizzato). E Alex a mettere in gioco la prima creatura nella forma di un Liliana's Spectre (che fa scartare una montagna). Enrico gioca una Phantom Beast e questa volta è lui a sembrare in flood di terre. Il mostro riesce e tenere lontano un Nether Horror, ma lo spettro continua a far danni. Dopo il solito Cultivate, arriva l'ennesimo Mind Rot (che fa scartare un Cancel e una montagna), seguito da un Garruk's Companion. Lo spettro viene bloccato da un Ice Cage, ma poi arrivano un secondo Garruk's Companion e un Howling Banshee. Anche questa volta Enrico cerca di uscire da una situazione drammatica con un Foresee, trovando un Lightning Bolt per la Banshee. Ma questa volta la soluzione non è definitiva. Alex con un Diabolic Tutor va a prendere una Quag Sickness, che ammala la bestia fantasma e apre la strada agli amici di Garruk, trionfalmente accompagnati da uno Yavimaya Wurm.

    Enrico Torazza 1 - Alex Rizzato 1

    Alex dirige sapientemente il suo variegato zoo di creature!

    "Riusciremo a fare una partita normale?" chiede Alex. La prima gara infatti è stata segnata dal flood del friulano, la seconda da quello del piemontese. La risposta è "Easy mulligan per me, la mia solita mono montagna..." Le nuove sei vanno bene. I primi danni inflitti sono quelli della canonica Sylvan Ranger. Poi arriva un Barony Vampire. Enrico prova a stabilizzare il board con un Azure Drake, che viene rimosso da un Brittle Effigiy. Nonostante il barone venga bloccato da un Ice Cage, il vampiro viene rimpiazzato da uno Spined Wurm. Tutti i tentativi di rimanere in partita di Enrico vengono vanificati. Un Juggernaut viene ucciso da un Quag Sickness, un Mind Control (sul wurm) viene distrutto da un Naturalize. E dopo l'ennesima e fastidiosa pescata di lande, Enrico si deve arrendere. Alex rimane l'unico giocatore imbattuto in questo nazionale.

    Enrico Torazza 1 - Alex Rizzato 2



     
  • Sunday, 9:03 AM: Feature match Round 9 - Jacopo Borrelli vs. Stefano Rampini
    by Andrea "Pikappa" Panebianco
  • Entrambi tengono la mano iniziale, ed un Wild Griffin è la prima creatura a scendere dalla parte di Stefano, a cui risponde Sword of Vengeance dall'altra parte. Al primo grifone se ne aggiunge un altro, sottoforma di un Cloud Crusader e il beatdown prosegue serrato da parte di "Pampo", mentre Jacopo prova a metterci una pezza con una Howling Banshee: lo scopo è raggiunto, ma uno Yavimaya Wurm è di parere contrario, e Jacopo, alle prese con il color screw, si ritrova con quattro paludi e una montagna di carte rosse inchiodate in mano. Arriva finalmente la prima terra rossa e la Banshee viene equipaggiata e picchia, ma una all-in di Pampo chiude la questione: Safe Passage nega i danni da first strike della banshee sul wurmone, e la situazione si compromette a tal punto che la concessione di Jacopo è automatica.

    Borrelli 0-1 Rampini

    Stefano "Pampo" Rampini

    Mulligan per Stefano, che non tiene una mano a sei terre, e la seconda gli regala perle come Chandra Nalaar, Serra Angel e Cultivate...beh, direi che si tiene....infatti dopo un drop di Crystal Ball e di Sword of Vengeance da parte di Jacopo, la planeswalker rossa scende sul tavolo promettendo di ammazzare il match....di là un sapiente Hoarding Dragon prova a rendere la cosa più problematica, ma il volatile ha fatto i conti senza l'oste, e nella fattispecie Pampo gli serve un Pacifism che lo inchioda al suolo, e con lui probabilmente in modo definitivo il Whispersilk Cloak che ha rimosso dal gioco entrando; Chandra's Spitfire è la nuova minaccia di Jacopo, ma nell'aria c'è spazio solo per un antico dominatore: dopo che Chandra abbatte il suo famiglio dall'altra parte del tavolo, il Serra Angel spiega le ali e.....viene subito schiantato dalla contraerea di Jacopo, sottoforma di Chandra's Outrage: tutto da rifare per Stefano, che mette giù il suo Yavimaya Wurm e passa il turno, nel quale nuovamente la Howling Banshee fa capolino e blocca il ciccione verde in un chumpblock apparentemente incomprensibile...

    Stefano "Mmmmmhh...perché hai bloccato?"

    Jacopo "Perché sono un babbo..."

    In realtà arriva Stabbling Pain ed anche il Wurm prende la via del cimitero. Stefano insiste e svuota quasi la mano con Garruk's Companion e Cloud Crusader, ammazzando poi il neo entrato Berserkers of Blood Ridge con Chandra e picchiando per 5. Uno Stormfront Pegasus ed una pescata fiacca dopo, Jacopo tende la mano al suo avversario.

    Borrelli 0-2 Rampini

    Jacopo Borrelli


     
  • Sunday, 9:04 AM: Feature Match Round 9 - Luigi Sbrozzi vs. Eugenio Nesi
    by Bruno Panara
  • Entrambi i giocatori tengono le loro mani iniziali, e dopo tre terre da parte di Luigi, a prima creatura è un Sacred Wolf di Eugenio. Sbrozzi cala Giant Spider per bloccare, ma il suo avversario risponde con Water Servant. Non uno che si lascia rispondere così, Luigi cala Stone Golem, ma Eugenio ha tutte le risposte: la rimbalza con AEther Adept, poi neutralizza con Mana Leak, e durante il suo turno accresce il suo vantaggio a terra con Greater Basilisk. Un 5/1 di Sbrozzi viene bloccato dalla AEther Adept, ma viene sacrificato prima del tempo con Fling per eliminare il Basilisco. Nesi continua ad aggredire e porta il suo avversario a 9 vite e sviluppa il mana con Cultivate. Le creature iniziano ad arrivare anche dall'altra parte del tavolo però, con Vulshok Berserk, Juggernaut e Sacred Wolf che costringono l'avversario in difesa. Due Lightning Bolt riescono ad eliminare il mini-morphling, ma Nesi vede un Foresee che gli porta Brindle Boar e Water Servant. Poi arrivano anche un Juggernaut e un altro lupo, e Luigi può solo provare a reggere con Earth Servant, ma quando Eugenio lo incanta con Ice Cage si va alla seconda.

    Luigi Sbrozzi 0 - Eugenio Nesi 1

    Luigi Sbrozzi non è contento del suo matchup

    Prima giocata al terzo turno anche questa partita, ma questa volta è Sbrozzi che gioca Prodigal Pyromancer, a cui Nesi risponde con Cultivate. Luigi gioca Giant Spider, e quando l'avversario cala Spined Wurm lo elimina con il pinger e un Lightning Bolt. L'armata del giocatore rosso-verde continua a crescere con Awakening Druid e Chandra's Spitfire, e Nesi può rispondere solo con Water Servant e poi Jace's Ingenuity nel suo turno. Un Flashfreeze neutralizza un secondo Giant Spider e viene seguito da un Foresee e un Brindle Boar per aumentare le difese. Nel frattempo gli attacchi di Chandra's Spitfire hanno portato Eugenio a 2 (potenzialmente 6), ma vengono rimbalzati da AEther Adept. Cancel lo neutralizza quando viene ricalato, ma il Prodigal Pyromancer non lascia molto tempo a Nesi, che prova a prendere tempo con Garruk's Pack Leader, che gli fa pescare una carta quando gioca Sacred Wolf. Sbrozzi però sorprende tutti, calando Dryad's Favour sul suo silvantropo 4/5 e pareggiando la partita.

    Luigi Sbrozzi 1 - Eugenio Nesi 1

    Eugenio parte aggressivo con Awakening Druid, e attacca subito fermandosi a tre terre. Luigi prova a difendersi con un Giant Spider che però viene neutralizzato con Flashfreeze. Arrivata la quarta terra Nesi cala anche Juggernaut. Continua l'aggressione e Sbrozzi prova a difendersi con Berserkers of Blood Ridge (che blocca Juggernaut che sopravvive grazie a Giant Growth) e Stone Golem che però viene distrutto con Naturalize. Eugenio gioca anche Water Servant e Luigi può solo concedere.

    Luigi Sbrozzi 1 - Eugenio Nesi 2

    Eugenio Nesi ha finalmente sfatato la maledizione dei Feature Match


     
  • Sunday, 09:25 AM: Intervista a Matteo Callegari, HJ dei Nazionali 2010
    by Andrea "Vitello" Vitali
  • Matteo Callegari di Parma, anni 31,è il capo degli arbitri dei nazionali di Magic 2010. Abbiamo fatto una interessante e divertente chiaccherata con Matteo per capire cosa si prova ad essere arbitro, come si diventa arbitro, quali sono i sogni e quali le aspirazioni e le soddisfazioni che riserva questa "carriera" alternativa a quella del giocatore, offerta dal mondo di Magic.

    - Da quanti anni arbitri e come hai iniziato a giocare?

    Avevo iniziato a giocare agli albori del gioco (90). Poi ho smesso e ripreso a giocare con gli amici nel 2006. Mi piacevano le regole e mi avevano chiesto se davo una mano in un PTQ visto che c'era bisogno di staff. Mi è piaciuto molto. Allora ho deciso di iniziare a studiare di più tutte le cose che non sapevo, tipo la gestione di un torneo, e dopo un paio di mesi ho sostenuto con successo l'esame per il livello 1.

    Matteo Callegari, HJ dei nazionali italiani

    - Poi è arrivato il livello 3 al Pro Tour di San Juan e la notizia che saresti stato HJ ai nazionali italiani.

    E si! Ai mondiali di Roma dopo aver parlato con la comunità italiana e quella statunitense, hanno ritenuto che visto il mio impegno e la mia preparazione, sarei stato in grado di sostenere l'esame del livello 3. Dopo 6 mesi di duro studio e ulteriore perfezionamento sul campo a San Juan ho preso i "nuovi gradi!" Dieci giorni dopo poi è arrivata una notizia sorprendente. Mi hanno detto che sarei stato l'head judge dei nazionali italiani. Sono rimasto a bocca aperta. Non me lo aspettavo. Sono si terzo livello, ma non avevo mai pensato di poter dirigere un evento cosi' grande e importante. Ho dovuto capire rapidamente come migliorare il mio modo di gestire il torneo, di aiutare giocatori e soprattutto gli altri arbitri nella realizzazione e nello svolgimento di una torneo cosi' importante.

    - Ora che siamo al secondo giorno, quali sono secondo te i problemi da affrontare nell'ambito di di un torneo così grande?

    La difficoltà maggiore è stata rappresentata dai primi tre turni. Bisogna avviare una macchina complessa e fare in modo che tutto fili liscio senza intoppi. Ci sono stati dei casi di difficile risoluzione che hanno interessato arbitri e giocatori, ma che fortunatamente si sono risolti tutti in maniera positiva. E come dice il detto allla fine tutto è bene quel che finisce bene! Sinceramente mi aspettavo che sarebbe stato più difficile il cambio di formato. Dobbiamo rivoluzionare ll'aspetto di tutta la sala, preparare il materiale per i 30 pod dei draft, nel minor tempo possibile per non far attendere i giocatori... E' andato tutto in maniera così liscia, quasi perfetta, che mai mi sarei aspettato un risultato del genere. Un sentito ringraziamento ai miei colleghi per questo!!!

    - A livello di condotta dei giocatori come sta andando il torneo? Hai dovuto squalificare qualcuno?

    Al momento ho condotto 4 investigation per possibili situazioni di abuso, che hanno portato fortunatamente ad una sola squalifica. Questa non per l'errore commesso al tavolo, ma perchè durante la chiaccherata con il giocatore, questi ha fornito una versione dei fatti non completamente corrispondente alla realtà. Io raccomando ai giocatori, che per quanto possa sembrare grave l'errore che possano aver commesso al tavolo di gioco, è sicuramente più grave mentire durante l'investigation. Gli errori di gioco si possono sistemare, quelli di alterazione della realtà no. Non abbiate paura di prendere un warning per un errore, è sicuramente molto meglio di essere squalificati, e magari non solo per il torneo in corso!!!!

    La squadra degli arbitri dei nazionali di Magic 2010 al completo!

    - Perchè diventare arbitro e cosa consigli a chi decide di intraprendere questa carriera?

    Le motivazioni sono differenti da persona a persona. Io sono diventato arbitro perchè mi piace il gioco, mi piace viaggiare, mi piace avere a che fare con le persone, mi piace poter gestire gli eventi e mi piace poter garantire l'integrità dell'evento, ovvero tutelare i giocatori nello svolgimento del torneo. Non è sempre possibile fare tutte queste cose separatamente, mentre

    l'arbitraggio consente di unire tutto ciò in un'unica esperienza. A chi decide di avvicinarsi all'arbitraggio dico che è necessario avere passione e voglia di fare. Se volete provare, fatelo senza timore! Ad esempio non abbiate paura di sperimentare, chiedendo magari di affiancarvi ad un arbitro durante un torneo anche per qualche ora. Se quello che vedete, vi piace, iniziate a studiare. Un buon arbitro deve saper bene sia le regole, che come gestire un torneo. Ma fondamentalmente intanto provate questa esperienza, perchè un arbitro non è solo teoria, ma anche tanta tanta pratica!



     
  • Sunday, 10.17 AM: Feature Match Round 10 - Guido Roccoli vs. Enrico Torazza
    by Andrea "Pikappa" Panebianco
  • Entrambi tengono la mano iniziale: Guido parte con Sylvan Ranger e Sacred Wolf, mentre dall'altra parte arriva un Juggernaut al turno 4, nonostante il color screw, e il mostro artefattoso si va a schiantare contro il lupo nel successivo attacco. Altro mostro incolore sottoforma di Stone Golem, stavolta per per Guido che prova ad approfittare delle difficoltà avversarie, ma queste paiono solo apparenti: Pyroclasm più Lightning Bolt e il campo è pulito, e si riparte con Juggernaut per Guido e Cyclops Gladiator per Enrico...il gigantone si presenta e minaccia di fare un disastro, ma una Giant Grotwth salva il Giant Spider di Guido, che con un Risuscitate si riprende il bestione rosso appena morto e chiude virtualmente il match, segnato dal troppo tardivo arrivo delle terre blu per Enrico: Juggernaut, Ragnone e Ciclope non hanno nemmeno bisogno di piegarsi che arriva la concessione del match, e si passa alla seconda.

    Roccoli 1-0 Torazza

    un'espressione intensa di Guido

    Guido inserisce tre Harbor Serpent mentre Enrico leva due drop bassi per Cancel e Mana Leak cercando di contrastare i mille mostri di Guido, che tiene nuovamente la mano iniziale, mentre Enrico è costretto ad un mulligan. Il primo drop di Enrico è un Augury Owl, che poi insiste con Cloud Elemental e poi Volcanic Strength sul gufo, che viene controevocato da Unsummon...

    Guido "Che amarezza giocare Unsummon sul gufo..."

    Però un Giant Spider sbarra la strada all'elementale, ed Enrico non può fare altro che Foresee nel suo turno per cercare soluzioni, riuscendo però a mettere un Mind Control sul neoentrato Garruk Packleader avversario. Partita in discesa? No, perché il passa-isole Harbor Serpent entra insolentemente in campo promettendo disastri assortiti. Enrico non si perde d'animo e gioca sia Gargoyle Sentinel che Azure Drake andando all-in il turno dopo, e calanto pure Phantom Monster. La race è impostata: 5 danni imprevenibili da una parte e un sacco di bestiacce dall'altra...chi la spunterà? Guido mette una buona ipoteca castando Naturalize su Mind Control e riprendendosi il Packleader, mentre Enrico pensa a lungo al da farsi e decide di menare col mostro 4/5 e coi due volanti più grossi, portando Guido a 11 e castando Ice Cage sul serpe che però ha vita breve: Hornet Sting sul 5/5 che si libera e ricomincia a picchiare. Basta un turno e la parola fine sul match è scritta: Enrico tende la mano al suo avversario ed entrambi chiudono questa seconda porzione di draft 8-2, in piena corsa per la top8.

    Roccoli 2-0 Torazza

    Enrico Torazza


     
  • Sunday, 11:00 AM: Non solo campionati nazionali
    by Andrea "Vitello" Vitali
  • Legacy che passione!

    Nel Palacongressi di Rimini non si stanno disputando solo i campionati nazionali di Magic 2010. Una foltissima schiera di giocatori si sta cimentando in vari tornei, più o meno competitivi, con premi di varia natura: dalla qualificazione al prossimo Pro Tour alle bustine dell'ultima espansione. Il torneo che ha registrato la maggiore affluenza è senza dubbio il super PTQ per Amsterdam, dove 354 giocatori si stanno sfidando per due posti. 96 giocatori si sono iscritti al torneo di Legacy per provare a vincere un uncut sheet di un set a caso tra Zendikar, M11 e worlwake, oltre a svariate multilande, Chrome Mox e fetchland). Ci sono poi i solitii tornei da 8 persone di tutte le specialità (Eternal, Extended, Draft e Standard), e gli immancabili appasionati di Vintage, che si sfidano a colpi di Time Walk, Black Lotus e Mishra's Workshop, cercando chiusure pirotecniche di primo turno. E non mancano poi i formati fun come i minimaster e i two headed giant boys and girls! Insomma ce ne è proprio per tutti i gusti, basta scegliere il formato e il livello di competitività!

    Multi goes to Amsterdam!


     
  • Sunday 11:20 AM: Feature Match Round 11 - Daniel Spanò vs. Eugenio Nesi
    by Bruno Panara
  • Si ricomincia con lo standard, e ritroviamo Eugenio Nesi con Eldrazi-Turboland e Daniel Spanò con Naya Survival.

    Prima partita sfortunata per Daniel che si vede costretto a mulligare a quattro, mentre Eugenio gioca due Lotus Cobra e Jace, the Mind Sculptor. Inutile perdere tempo, è subito ora di mettere mano alle sideboard.

    Daniel Spanò 0 - Eugenio Nesi 1

    Spanò si divertirebbe di più senza mulligan

    Adesso tocca ad Eugenio mulligare a 5, e la partita è più interessante. Daniel parte forte con Fauna Shaman di secondo, Knight of the Reliquary di terzo. Nesi neutralizza il Cavaliere con Mana Leak, così come un Bloodbraid Elf, ma non può evitare che entri in gioco un'altra sciamana grazie a Cascade. Prova ad abbozzare una difesa con Lotus Cobra, ma Daniel ha un altro Bloodbraid Elf (che trova Birds of Paradise con cascata) e la pressione è troppa. Si va alla terza, sperando di non vedere più mulligan.

    Daniel Spanò 1 - Eugenio Nesi 1

    La speranza si rivela essere in vano, ed è ancora Daniel a rimescolare, questa volta fortunatemente solo fino a sei carte. Eugenio accelera subito con Explore al secondo, a cui il suo avversario risponde con una Fauna Shaman. Il turno dopo scende Lotus Cobra e ci riprova con un altro Explore, ma non trova una terra addizionale da giocare. Spanò gioca anche lui un Cobra, poi usa l'abilità della Sciamana per trovare Cuning Sparkmage, ovviamente scartando Vengevine. Nesi non pesca terra ma la va a cercare con Rampant Growth, ma non può molto al turno successivo quando Daniel gioca il pinger e rimette in gioco Vengevine nonostante il suo Knight of the Reliquary venga neutralizzato da Mana Leak. Ancora niente terre per Eugenio, che dopo un turno di speranza muore dagli attacchi delle creature di Daniel.

    Daniel Spanò 2 - Eugenio Nesi 1

    Eugenio Nesi soccombe alle creature Naya


     
  • Sunday, 12:00 PM: Feature Match Round 11 - Marco Frantuma - Michele Fornasari
    by Andrea "Vitello" Vitali
  • "Vincere o morire". Questo è l'incipit della gara tra i due protagonisti del feature match. Con una sconfitta infatti sarebbero definitivamente perse tutte le speranze di piazzamento. Marco ha optato per un mazzo Polymorph, mentre Michele ha affidato al Turboland le sue speranze di successo.

    Marco trasforma le piante

    Fornasari parte con un Halimar Depths, con cui sistema le prime tre carte del grimorio. Marco risponde con un Khalni's Garden, mettendo in gioco una pedina. Dopo aver giocato un Lotus Cobra, Michele prova un Jace, the Mind Sculptor, che viene però neutralizzato da un Mana Leak.

    Frantuma cerca nel mazzo con un Ponder, e attende la mossa dell'avversario, consentendo un Rampant Growth, ma counterandone un secondo. Con l'avversario tapped out e quattro terre in gioco si aspetta il Polymorph che però non arriva. Al suo posto scende una Awakening Zone. Approfittando dell'occasione concessa Michele cala un Avenger of Zendikar, mettendo in gioco nel processo 5 piante. Il Polymorph si manifesta inaspettatamente arriva un turno dopo, trasformando un token in Emrakul, the Aeons Torn. I vegetali devono piegarsi allo strapotere del colosso di eldrazi, che porta il primo game a casa Frantuma.

    Marco Frantuma 1 - Michele Fornasari 0

    Michele produce piante!

    Ancora un Halimar Depths, seguito da un cobra, e due Explore per Michele. Il primo passa, il secondo viene neutralizzato da un Mana Leak. Poi un mini counter-war su un Jace, the mind Sculptor, dove la spunta Frantuma grazie ad un Dispel su un Mana Leak. Michele prova allora un Oracle of Mul Daya, che viene però neutralizzato da un Flashfreeze. Intanto il cobra viene raggiunto da una secondo fratello, e assieme attentano seriamente alla vita di Marco. Questi però si limita a counterare con un Deprive un Avenger of Zendikar, a stappare, lanciare un Ponder e trasformare un token generato da un Khalni's Garden in un Emrakul, the Aeons Torn. Ancora una volta il mostrone risulta decisivo

    Marco Frantuma 2 - Michele Fornasari 0



     
  • Sunday 12:25 PM: Feature Match Round 12 - Alessio Angeli vs. Guido Roccoli
    by Bruno Panara
  • Assisteremo adesso al matchup che ha definito il formato pre-M11. Alessio Angeli gioca UW control, mentre il suo avversario ha portato Jund. Guido si siede dicendo che oggi è una giornata fortunata: "Tutti i miei avversari hanno mulligato e ho vinto tutte le partite 2-0 senza che loro opponessero resistenza!".

    E ovviamente Alessio mulliga a 6, e Guido parte forte con Putrid Leech e Sprouting Thrinax. Angeli fa Wall of Omens di secondo, ma non trova la terza terra. Path to Exile esilia la sanguisuga ma Roccoli continua a mettere pressione con un altro Thrinax e un Bloodbraid Elf. Angeli trova un altro muro ma non la terza terra. Arriva Maelstrom Pulse e si va alla seconda.

    Alessio Angeli 0 - Guido Roccoli 1

    Un vero stregone?

    Ancora una volta si avvera la 'maledizione' di Guido: Alessio mulliga a sei! Roccoli parte con Plated Geopede che al turno successivo attacca per cinque danni, e Sprouting Thrinax. La lucertola si trasforma in saprolingi grazie ad un Day of Judgment, ma Guido non si ferma più e fa un altro Plated Geopede, attaccando per alti 8 al turno successivo. Wall of Omens guadagna un turno per Angeli che però concede un turno dopo.

    Alessio Angeli 0 - Guido Roccoli 2

    Alessio Angeli è l'ennesima vittima della 'maledizione' di Guido


     
  • Sunday, 12:28 AM: Feature Match Round 12 - Luca Ravagli vs Enrico Torazza
    by Andrea "Vitello" Vitali
  • Il campione nazionale uscente Luca Ravagli

    Enrico va di Ponder, e poi ancora di Ponder, e ancora un Preordain, mentre Luca non fa altro che calare terre. Al settimo turno la prima azione del campione italiano uscente, che gioca un Lightning Bolt su un token generato da una Khalni's Garden. E' poi costretto a giocare un mana Leak per neutralizzare un Jace, the Mind Sculptor di Enrico. La partita stenta a decollare, con i due che vanno in discard per un paio di volte. E' il turno di Luca a provare un Jace, Enrico va di Deprive, riprendendo in mano la landa genera token, e grazie ad un Mana Leak il planeswalker entra in gioco con successo. Per poco. Perchè un gemello dall'altro lato del tavolo manda entrambi nel cimitero. Deja-vu il round successivo quando ripete la scena, Jace, Deprive, Mana Leak. E poi ancora una volta... Poi Luca si stufa e gioca Garruk Wildspeaker. Cambiando planeswalker, cambia finalmente anche la musica, e una pedina elefante entra in gioco, assegnando i primi danni da combattimento della gara. Al pachiderma si affiancano presto due Raging Ravine. Enrico continua a cercare nel mazzo un benedetto Polymorph, ma questo non si manifesta, lasciandolo in svantaggio di un game.

    Luca Ravagli 1 vs Enrico Torazza 0

    Il mazzo di Enrico non gli offre mai una gioia!

    Dopo un mulligan a 6 Luca prova un Explore, che viene neutralizzato da un mana Leak. Doppio Khalni's Garden per Enrico, che non riesce ad approfittare di un momento tapped out di Luca. La situazione peggiora ulteriormente, quando Ravagli risolve prima un Brittle Effigiy e poi un Jace, the Mind Sculptor. il Planeswalker viene bouncato da un Into the Roil ... E poi... TA DA... colpo di scena... Luca ci regala un'emozione lanciando un Gaea's Revenge... La rara mitica M11 si rivela essere un terribile clock. Doppio Preordain per Enrico, che non riesce a trovare nuovamente un Polymorph. Due turni dopo la vendetta di Gea, porta alla vittoria Luca.

    Luca Ravagli 2 - Enrico Torazza 0



     
  • Sunday, 1:27 PM: Feature Match Round 13 - Marcello Calvetto vs. Samuele Estratti
    by Bruno Panara
  • L'anno scorso a quest'ora questi due giovani giocatori italiani si preparavano a giocare il top8. Oggi sta andando peggio, con quattro sconfitte Marcello Calvetto di Ivrea e Samuele Estratti di Pistoia si giocano tutto per il pro-point in palio per i top16. Calvetto gioca Pyromancer Ascension, Estratti Naya Survival.

    Parte Calvetto che subito filtra le sue pescate con Ponder. Estratti inizia con Misty Rainforest che diventa una Foresta per giocare Birds of Paradise. Marcello rimane in curva con Preordain e Burst Lighting per il piccione. Estatti lo sostituisce con Noble Hierarch e gioca Raging Ravine, Calvetto ha Lighting Bolt per la creatura e poi Mana Leak quando il suo avversario prova a fare Knight of the Reliquary. Il secondo Cavaliere di Samuele entra, e nel frottempo Marcello usa Treasure Hunt per trovare Pyromancer Ascension, e ne cala due copie. L'armata del toscano si accresce grazie a Bloodbraid Elf e la seguente Fauna Shaman, il prossimo turno può attaccare per danni letali. Marcello 'cicla' un Time Warp e nel suo turno addizionale prova a trovare qualcosa con See Beyond ma senza successo.

    Marcello Calvetto 0 - Samuele Estratti

    Samuele Estratti continua la rincorsa verso il Pro Point

    Ancora una volta Marcello inizia controllando le pescate con Halimar Depths, e Samuele con Birds of Paradise. Ugualmente Calvetto si ripete con Lightning Bolt su Birds seguito da Ponder, e Samuele con Noble Hierarch. Marcello lancia un Pyromancer Ascension, ma il suo avversario e pronto Oblivion Ring, imperterrito il piemontese ne gioca altri due e ancora una volta il suo avversario ha un Ring e aggiunge Fauna Shaman. Due Ponder e l'incantesimo rosso è attivo, ma non riesce a trovare uno sparo, e il turno dopo lo sciamano trova Qasali Pridemage che elimina la terza copia. Marcello ormai si è scaricato, e quando il suo avversario gioca Knight of the Reliquary ed inizia ad attaccare, decide di concedere.

    Marcello Calvetto 0 - Samuele Estratti 2

    Finita al tavolo del Feature Match l'avventura ai Nazionali 2010 per Calvetto


     
  • Sunday, 01:30 PM: Feature Match Round 13 Alex Rizzato vs Daniel Spanò
    by Andrea "Vitello" Vitali
  • Apro l'articolo con le pubbliche scuse a Daniel Spanò per aver male interpretato una sua giocata durante il Feture Match del Round 3 di ieri. In releazione alla decisione sul Cunning Sparkmage, dopo aver rianalizzato assieme la situazione, ho infine capito che non è stato un errore di gioco!

    Scontro al vertice tra due pretendi ai top 8. Alex Rizzato, con il suo R/G aggro, ha sorpreso molti avversari, grazie ad un archetipo abbandonato dalla maggior parte della gente. Daniel affida le sue speranze di top 8 ad un Naya Survival.

    Daniel e il suo neo-survival deck

    Board pieno di creature per Alex, con due Nest Invaders, e relativi token, e una pianta generata da un Khalni's Garden. Daniel ha un Fauna Shaman attivo, con cui va a cercare un Cunning Sparkmage (scartando Bloodbraind Elves). Il pinger rosso sembra decisivo, ma grazie a Sarkhan Vol, Alex ne prende il controllo e lo suicida. Spanò non si perde d'animo,andando a cercare un Obstinate Baloth (scartando Vengevine). Casta però nel suo turno un Bloodbraid Elves (cascando in un Noble Hierarch) e rimettendo in gioco nel processo il Vengevine. Le creature con haste attaccano il planeswalker, mettendo fine alla sua breve esistenza.

    Alex esagera il turno successivo quando grazie ad un elfa dalla trecce rosse, cade in un Hell's Thunder. Daniel è a 4. E' quindi il momento giusto per il Baloth, cosi' si torna a sane 8 vite. anche un Birds of Paradise viene apposto a difesa. Alex ci pensa un pò, e poi gioca goblin Guide, Goblin Guide, Hellspark Elemental e attacca con tutto. E' il turno di Daniel per pensare a come bloccare. Alla fine del combattimento scende a 2, ma può stappare e andare a cercare un Bloodbraid Elves (scartando un altro Vengevine), rivelando nel processo un Noble Hierarch e rimettendo in gioco i due elementali. Alex è bloccato da un muro di creature. E quando scende un Ajani Vegeant la partita sembra essere ribaltata, grazie all'effetto Helix del planeswalker, che dopo due botte, va nel cimitero... ma poi ne appare un altro, e Daniel è a 11. Pochi turni dopo la pulizia i Vengevine terminano la gara.

    Alex Rizzato 0 - Daniel Spanò 1

    Ancora Fauna Shaman - Cunning Sparkmage per Daniel, ancora doppio Nest Invader e Sarkhan Vol per Alex. Questa volta però il pinger non viene invitato da Sarkhan a suicidarsi, ma si va per il beatdown. Poco male visto che una Celestial Purge termina il selvaggio cavalcamondi. Un turno dopo però Daniel è già a 6 pestato dalle due bestiacce e da una Raging Ravine. E' tempo di correre ai ripari, e lo sciamano manda nel cimitero un Noble Hierarch, chiamando un bel Baneslayer Angel, esaltato dallo hierarch, riporta su di vite Daniel, che poi esagera con un Obstinate Baloth. Per alex questo è troppo. Dopo due attacchi di angelo non c'è più possibilità di tornare in gara.. Spanò vince e si mette in pole per un posto nei top8.

    Alex Rizzato 0 - Daniel Spanò 2

    L'esplosività del mazzo di Alex


     
  • Sunday, 2:33 PM: Feature Match Round 14: Andrea Giarola vs Andrea Cicolella
    by Bruno Panara
  • Mirror match di nome e di mazzo nell'ultimo round di svizzera dei nazionali 2010. Andrea Giarola di Milano viene da un'ottima prestazione al PT San Juan, dove si è classificato terzo. Andrea Cicolella di Padova gioca i nazionali dopo aver vinto il Meatgrinder Legacy Venerdì! Il vincitore di questa partita giocherà nei top8 e il fortunato sarà colui che trionferà nel mirror di RG Valakut Ramp.

    Cicolella mulliga a sei ma lo spettacolo che ci si pone davanti agli occhi non è inusuale: è un mirror di mana ramp, ed entrambi i giocatori non fanno altro che accelerare. Giarola con doppia Rampant Growth, Harrow ed infine Primeval Titan, il suo avversario con Explore, Cultivate e Harrow e pure lui titano. L'unica differenza è che Cicolella aveva già Valakut, the Molten Pinnacle, quindi il suo titano ha potuto prendere due montagne per sparare al suo gemello. Il milanese non ha altre risposte e concede poco dopo.

    Andrea Giarola 0 - Andrea Cicolella 1

    Andrea Cicolella non era qualificato Venerdì mattina ed ora è a un passo dai top8

    Niente mulligan ma stessa storia. Giarola fa Cultivate di terzo e Titano di quinto. Cicolella ha doppio Explore e risponde al titano con Lavaball Trap, ma non ha la quinta terra. Ancora un'altro Titano per il suo avversario, che questa volta riesce anche a fare danni con Valakut. Il padovano è a cinque vite, ha solo terre in gioco contro due titani e Valakut attiva, ma pensa di potercela ancora fare. Fa due Harrow alla fine del turno dell'avversario e deve pescare un'altra terra ma fallisce e si va alla terza.

    Andrea Giarola 1 - Andrea Cicolella 1

    Parte Cicolella e sia lui che il suo avversario accelerano con Explore, poi continua con Harrow e Rampant Growth, calando pure Valakut, the Molten Pinnacle: 6 terre in gioco alla fine del terzo turno! Il terzo turno di Giarola è meno impressionante, finisce con cinque terre grazie ad Harrow. Il tanto temuto titano però non arriva, e Cicolella passa il turno senza fare niente. Dall'altra parte del tavolo arriva il Primeval Titan, e anche questa volta Lavaball Trap distrugge due Montagne in Risposta. Cicolella pesca la settima terra ed evoca Avenger of Zendikar. Il suo avversario risponde con Valakut e Siege-Gang Commander e dopo l'attacco di titano ha quattro montagne in gioco. Ottima pescata per Cicolella: Terramorphic Expanse da +2/+2 a tutti e sette i suoi token Pianta, di cui quattro si tappano per attaccare insieme all'elementale che li ha messi in gioco. Giarola blocca il Vendicatore con un token Goblin e scende a 12, durante il suo turno attacca con le pedine rimaste e il titano, che mette due montagne in gioco. Con l'abilità di Valakut in pila Cicolella usa un'altra Lavaball Trap per distruggere la terra di Zendikar e una montagna, facendo neutralizzare l'abilità in risoluzione. Poco male per il milanese, che gioca la sua copia di Avenger of Vendikar mettendo nove pedine e giocando un'altra terra per pomparle. Quando al turno successivo il Padovano non pesca una risposta e porge la mano al suo avversario.

    Andrea Giarola 2 - Andrea Cicolella 1

    Andrea Giarola si prepara per la terza partita


     
  • Sunday, 02:35 PM: Feature Match Round 14 - Luca Ravagli vs Daniel Spanò
    by Andrea "Vitello" Vitali
  • Chi vince può ambire a concorrere per il titolo di campione nazionale. O addirittura a difenderlo! Chi perde avrà la consolazione di guadagnare Pro Tour Points per aver fatto top 16.

    Daniel entra nei top8

    Il Noble Hierarch di Daniel muore per un Lightning Bolt. Poi Luca va di Explore. E Daniel ne approfitta per mettere in gioco un Ajani Vegeant, che tappa una Raging Ravine. Luca prova a convincere l'avversario a fare Lightning Helix su di lui, ma non ci riesce. Il planeswalker continua a tenere tappata la terra animabile rosso/verde. Arriva poi un Vengevine, che assegna i primi danni non di fetchland. Luca decide di porre a sua difesa un Primeval Titan, che blocca l'assalto. Anzi inizia il contrattacco prima che Ajani raggiunga 7 counterini. Ed è proprio provvidenziale perchè grazie ad un danno trample fa scendere a 5 la lealtà di Ajani. Lealtà che precipita a 3 quando Daniel usa un helix per far fuori un neo arrivato Jace, the Mind Sculptor. Morto un planeswalker se ne fa un altro, ed ecco Garruk Wildspeaker fare la comparsa dal lato del tavolo di Luca. Un Birds of Paradise si immola per salvare la vita di Ajani da un Raging Ravine ambush. E il leone si vendica fulminando Garruk. A tenere ulteriormente a bada le terre animabili e le creature di Luca, ci pensa un Cunning Sparkmage equipaggiato con un Basilisk Collar... il piccolo maghetto, tutto può e tutto distrugge, ma soprattutto apre la strada per le Raging Ravine di Spanò. Neanche l'arrivo di un nuovo Jace, permette a Luca di trovare la soluzione. Si va alla seconda con 20 minuti sul cronometro.

    Luca Ravagli 0 - Daniel Spanò 1

    Luca non potrà difendere il titolo

    Mulligan a 6 per Daniel, che gioca un Noble Hierarch. Doppio Rampant Growth per Luca, che neutralizza una Dauntless Escort, rivelata di cascade. con un Mana Leak. L'elfa e le numerose fetch portano Luca a 10. Iil Mana Barbs, sapientemente calato da Daniel, per limitare il dispendioso mazzo di Ravagli, minaccia seriamente il campione uscente. Questi dopo un Pyroclasm e un Jace, the Mind Sculptor passa con 4 vite rimanenti. Daniel prende due danni per calare un Fauna Shaman, e passa il turno lasciando l'iniziativa all'avversario. Ancora un danno per l'attivazione dello sciamano, che trova un Cunning Sparkmage. Il pinger per la seconda volta risulta essere il game breaker dell'incontro. Spanò concorrerà per il titolo. Ravagli farà il tifo tra il pubblico.

    Luca Ravagli 0 - Daniel Spanò 2

    • Planeswalker Points
    • Facebook Twitter
    • Gatherer: The Magic Card Database
    • Forums: Connect with the Magic Community
    • Magic Locator