Day 2 Blog Archive

  • Print
EVENT COVERAGE

  • Blog: 4:21 pm - Swiss Rounds Wrap-Up (English)
    by Bruno Panara
  • Feature Match: Round 14 - Marco Cammilluzzi vs Simone Locatelli
    by Andrea ‘Vitello’ Vitali
  • Blog 2:18 pm - Quick Interview 3
    by Bruno Panara
  • Feature Match: Round 13 - Pasquale Capasso vs. Riccardo Neri
    by Bruno Panara
  • Feature Match: Round 12 - Armando Puoti vs. Simone Locatelli
    by Bruno Panara
  • Feature Match: Round 12 - Besso vs. Parazzoli
    by Andrea ‘Vitello’ Vitali
  • Feature Match: Round 11 –Ivan Lanese vs. Nicola Albarelli
    by Andrea “Pk” Panebianco
  • Feature Match: Round 11 - Filippo Kratter vs. Manuel Alvisi
    by Bruno Panara
  • Feature Match: Round 10 - Patrizio Golia vs. Eugenio Nesi
    by Andrea “Pk” Panebianco
  • Feature Match: Round 10 - Puoti vs. Neri
    by Andrea ‘Vitello’ Vitali
  • Feature Match: Round 9 - Giulio Barra vs. David Besso
    by Bruno Panara
  • Feature Match: Round 9 - Alvisi vs. Cavaglieri
    by Gianluca Filippini
  • Blog: 9:30 AM - Drafting with Manuel Alvisi
    by Andrea “Pk” Panebianco
  • Blog: 9:30 AM - Draft 2 William Cavaglieri
    by Andrea ‘Vitello’ Vitali
  • Blog: 8.33 am - Drafting with Filippo Kratter
    by Bruno Panara

  • Info: Day 1 Archive - Qualifiers, Featured Matches, Drafting and more!
    by Event Coverage Staff
  • Info: Day 1 Player List
    by Event Coverage Staff
  • Info: Fact Sheet
    by Event Coverage Staff



 
  • Sunday, 8.33 am : Drafting with Filippo Kratter
    by Bruno Panara
  • All’inizio del secondo giorno copriamo il draft di Filippo Kratter, snowboarder professionista di Sappada che nell’ultimo anno ha infilato una serie di ottime prestazioni in tornei di magic, culminate con la qualificazione all’ultimo minuto al PT Hollywood e il piazzamento al secondo giorno nello stesso torneo.
    Filippo è molto presente su Magic Online, e si sente a suo agio a draftare questo formato.

    Pack 1 - Shadowmoor

    1. Curse of Chains (Faerie Macabre, Ballynock Cohort, Tattermunge Witch, Barkshell Blessing)
    2. Thistledown Liege (Roughshod Mentor, Burn Trail, Scar, Tower Above)
    3. Glamer Spinners (Torture, Hungry Spriggan, Juvenile Gloomwidow, Intimidator Initiate)
    4. Inkfathom Infiltrator (Merrow Wavebreakers, Gloomlance, Fate Transfer)
    5. Kinscaer Harpoonist (Cerulean Wisps, Presence of Gond)
    6. Somnomancer (Fate Transfer, Sootstoke Kindler, Gnarled Effigy)
    7. Inkfathom Infiltrator (Aphotic Wisps, Ghastly Discovery)
    8. Scrapbasket (Put Away, Sootstoke Kindler, Nurturer Initiate)
    9. Dire Undercurrents (Aphotic Wisps, Giantbaiting, Safewright Quest)
    10. Cinderhaze Wretch
    11. Torture (Intimidator Initiate)
    12+. Cinderbones, Leechridden Swamp, Heap Doll, Memory Sluice

    Pack 2 – Shadowmoor

    1. Burn Trail (Runes of the Deus, Inquisitor’s Snare, Medicine Runner)
    2. River’s Grasp (Tatterkite, Pili-Pala, Safehold Duo, Spiteflame Witch, Wingrattle Scarecrow)
    3. Steel of the Godhead (Devoted Druid, Turn to Mist, Repel Intruders)
    4. Barkshell Blessing (Spell Syphon)
    5. Gloomlance (Turn to Mist, Horde of Boggarts, Ghastly Discovery, Medicine Runner)
    6. Torture (Mistmeadow Skulk)
    7. Illuminated Folio (Consign to Dream, Oona’s Gatewarden)
    8. Gravelgill Axeshark (Torpor Dust)
    9. Kinscaer Harpoonist (Cinderhaze Wretch)
    10. Wingrattle Scarecrow (Fate Transfer, Spiteflame Witch)
    11+. Elemental Mastery, Aphotic Wisps, Put Away

    Pack 3 - Eventide

    1. Snakeform (Restless Apparition, Puncture Blast, Battlegate Mimic, Harvest Gwyllion, Wickerbough Elder)
    2. Dream Thief (Puncture Blast, Rendclaw Trow, Gift of the Deity, Unwilling Recruit)
    3. Soul Reap (Wake Thrasher)
    4. Wistful Selkie (Woodlurker Mimic, Cenn’s Enlistment)
    5. Dream Thief (Nucklavee, Fire at Will, Creakwood Ghoul)
    6. Noggle Bandit (Nightsky Mimic)
    7. Banishing Knack (Dream Thief, Indigo Faerie)
    8. Riverfall Mimic (Inside Out)
    9. Trapjaw Kelpie
    10. Inside Out (Unwilling Recruit, Grazing Kelpie)
    11. Fang Skulkin
    12. Odious Trow (Grazing Kelpie)
    13+. Clout of the Dominus, Trapjaw Kelpie

    Alla fine del draft Filippo è contento del suo mazzo anche se rimpiange un paio di errori durante il suo draft: “Spero che il mazzo sia abbastanza forte da mettermi in una buona posizione per fare top8 nella porzione standard del torneo.”



     
  • Sunday, 9:30 AM: Draft 2 William Cavaglieri
    by Andrea ‘Vitello’ Vitali
  • All’inizio del Day 2 dei nazionali di Magic the Gathering 2008 c’è William Cavaglieri, sicuramente uno tra i migliori giocatori italiani in attività. In un tavolo impegnativo, dove sono seduti tra gli altri, il due volte campione italiano Manuel Alvisi, Filippo Kratter e Riccardo Neri, William devide di optare per il bianco, anche se durante il draft si trovera’ a dover prendere delle decisioni difficili e a cambiare colore. Questo l’ordine dei pick:

    Shadowmoor 1

    Silkbind Faerie (su Thistledown Liege e Burn Trail)
    Oracle of Nectars
    Armored Ascension
    Cultbrand Cinder
    Steel of the Godhead
    Gloomlance
    Torrent of Souls
    Faerie Macabre
    Wanderbrine Rootcutters
    Gravelgill Duo
    Fate Transfer
    Cerulean Wisps
    Crimson Wisps
    Crimson Wisps
    Rite of Consumption

    Shadowmore 2

    Prison Term (su Valley Maker)
    Inquisitor’s Snare
    Safehold Sentry
    Barrenton Cragtreads
    Cinderhaze Wretch
    Medicine Runner
    Mistmeadow Skulk
    Oona's Gatewarden
    Torpor Dust
    RScrapbasket
    Cinderbones
    Rattleblaze Scarecrow
    Ashenmoor Cohort
    Ghastly Discovery
    Mine Excavation

    Eventide

    Ashling, the Extinguisher
    Recumbent Bliss
    Harvest Gwyllion
    Nightsky Mimic
    Cankerous Thirst
    Harvest Gwyllion
    Soul Reap
    Lingering Tormentor
    Fang Skulkin
    Cinder Pyromancer
    Clout of the Dominus
    Scourge of the Nobilis
    Shell Skulkin
    Idle Thoughts
    Kithkin Zealot



     
  • Sunday, 9:30 AM: Drafting with Manuel Alvisi
    by Andrea “Pk” Panebianco
  • Il due volte campione italiano Manuel Alvisi drafta al tavolo 1, in compagnia eccellente, dato che anche William Cavaglieri, Riccardo Neri, Filippo Kratter ed Armando Puoti (l’unico a punteggio pieno) dividono il pod con lui.

    Però un po’ di confusione ha condizionato il draft, e Manuel non si dichiara un granché soddisfatto: ha dovuto dividersi il verde con un po’ troppa gente e si è dovuto accontentare di alcune carte subottimali e di un mazzo senza bombe particolari. Però, a suo dire, lo conforta il fatto che anche ieri sera aveva un mazzo d 2-2 ed ha chiuso 4-0, staremo a vedere se la sua esperienza riuscirà a colmare il gap.

    1° Booster – Shadowmoor
    Shield of the Oversoul
    Crabapple Cohort
    Scuttlemutt
    Turn to Mist
    Watchwing Scarecrow
    Wildslayer Elves
    Niveous Wisps
    Wingrattle Scarecrow
    Fulminator Mage
    -15) pick off-color

    2° Booster – Shadowmoor
    Wilt-Leaf Cavaliers
    Mistmeadow Witch
    Raven’s Run Dragoon
    Crabapple Cohort
    Medicine Runner
    Witherscale Wurm
    Turn to Mist
    Dramatic Entrance
    Raking Canopy
    Cinderbones
    Chainbreaker
    -15) pick off-color

    3° Booster – Eventide
    Recumbent Bliss
    Recumbent Bliss
    Woodlurker Mimic
    Unmake
    Fang Skulkin
    Gift of the Deity
    Endure
    Cache Raiders
    Cascade Bluffs
    Kithkin Zealot
    Dream Thief
    -15) pick off-color



     
  • Sunday, 9:39 AM: Feature Match Round 9 Alvisi – Cavaglieri
    by Gianluca Filippini
  • Entrambi I giocatori non hanno bisogno di presentazioni. William Cavaglieri è un protour player di lungo corso, mentre Manuel Alvisi è un due volte campione italiano.

    Entrambi i giocatori tengono le loro sette carte iniziali. Alvisi parte forte con tre creaturine. William casta subito la sua bomba Ashling the Extinguisher, seguita da due Harvest Gwyllon che lo proteggono. Manuel continua il suo beat con Raven’s Run Dragoon; al sesto turno Manuel mette un bel wurmone 9/9, ma si tappa out; William contrattacca e Manu per non far attivare la triggered di Ashling è costretto a chump-bloccare. Per William iniziano le rimozioni prima Gloomlance poi Recumbent Bliss. A un punto vita William stabilizza l’emorragia di punti vita e grazie ad una superiore qualità di creature riesce a portare a casa la prima partita.

    Alvisi 0 – Cavaglieri 1

    La gara inizia velocemente con creature messe in campo da una parte e dall’altra, ma purtroppo a Manuel manca la terza terra. William ne approfitta facendo Prison Term sulla creatura del due volte campione italiano. Quando Alvisi raggiunge la terza terra, e Raven’s Run Dragoon, questi vengono distrutti da una Gloomlance. Manuel prova ad arginare il beat down di William con Recumbent Bliss ma continua a subire danni da una Safehold Sentry. Al sesto turno Willy preme sull’acceleratore con Ahsling, The Extinguisher. Manuel tenta una strenua resistenza , ma sulle sue creature piovono troppe rimozioni. Alla fine Manuel non riesce a resistere e con molta sportività concede porgendo la mano .

    Alvisi 0 – Cavaglieri 2



     
  • Sunday, 9.38 am : Feature Match Round 9 - Giulio Barra vs. David Besso
    by Bruno Panara
  • Si scontrano sul 5-3 Giulio Barra di Napoli e David Besso di Imperia. I giocatori devono vincere tutte le loro partite oggi per sperare di fare top8. Giulio indossa il cappello bianco di David e mentre discutono sull’andamento del draft ci dice che è convinto che il cappello gli porterà fortuna.

    David si pavoneggia giocando una rara al primo turno, la potente Figure of Destiny, ma dopo aver subito un attacco dalla sua prima incarnazione, Giulio la elimina con un Unmake e si arrocca dietro a Trip Noose. Nel frattempo il suo avversario può calare solo un Heartlash Cinder, e un paio di turni dopo Scuzzback Marauders e Slinking Giant.

    La prima creatura del napoletano è un Grief Tyrant, seguita da un Hag Hedge Mage. Al turno successivo Besso ha anche un Sootwalkers, e dopo aver dichiarato la sua fase d’attacco (con Giulio che tappa il Gigante) scaglia i suoi Marauders nella red zone; con la complicità di uno Scar sopravvive al blocco dell’Hedge Mage e porta il suo avversario a 9.

    La controffensiva non si fa attendere, Barrenton Cragtreads si fa avanti imbloccabile mentre un Old Ghasbark rimane in difesa. Dopo un altro attacco di Besso e un Cultbrand Cinder, il Grief Tyrant finalmente ci lascia, portandosi appresso Scuzzback Marauders. Ma Barra decide che è il momento di finire il game: Armored Ascension scende per dare +5/+5 (possibilmente di più data l’Elsewhere Flask in gioco) al suo Cragtreads e David rivela la sua mano di 5 terre e concede.

    Giulio Barra 1 - David Besso 0

    Anche nel secondo game David parte aggressivo con Battlegate Mimic e Hearthfire Hobgoblin. Quest’ultimo viene annullato da Curse of Chains, e Trip Noose e Cenn’s Enlistment iniziano a difendere le vite di Giulio. Besso pensa a fonti di danno alternative giocando Cinder Pyromancer. Cultbrand Cinder uccide una pedina Soldato, ma quando attacca al turno successivo si infrange contro Smoldering Butcher, ma ritorna in mano grazie a Fossil Find. Nel frattempo rievoca i suoi soldati e cala un Barrenton Cragheads, che però può essere bloccato dal Fang Skulkin che lo guarda dall’altra parte della barricata.

    I giocatori si trovano a sei vite pari e David ricala il Cultbrand per uccidere una pedina, ma si trova ad affrontare un 3/3 che non può essere bloccato e sei pedine 1/1. Dopo l’attacco David è ad una vita ed ha tre attaccanti, deve pescare una rimozione per vincere la partita: spizza la carta e.... Boggart Ram-Gang, non è una rimozione ma va bene lo stesso. Si passa alla terza partita.

    Giulio Barra 1 - David Besso 1

    Giulio pesca erroneamente 8 carte all’inizio della terza partita, ed è costretto a mulligare. La sua mano era forte quindi tiene le seguenti sei a malincuore. Besso è subito aggressivo con Figure of Destiny, Tattermunge Duo, Stream Hopper, rimuovendo la Safehold Elite di Giulio con Puncture Bolt e Fossil Find. Barra va troppo sotto di vite e quando pesca Cenn’s Enlistment ha solo terre in mano ma non abbastanza tempo per reggere. E’ costretto ad allungare la mano in segno di sconfitta, e restituisce il cappello a David.



     
  • Sunday, 10:40 AM: Feature Match Round 10 Puoti vs. Neri
    by Andrea ‘Vitello’ Vitali
  • Armando Puoti è l’eroe del Day 1, l’unico giocatore in grado di chiudere sull’8-0. Riccardo Neri è attualmente uno dei giocatori emergenti, anche a livello di qualificazione ai Pro Tour, nel panorama italiano.

    Armando parte forte con un Kitchen Finks, seguito da uno Shell Skulkin, e da un Safehold Duo. Riccardo risponde con un Wildslayer Elves ed un Creakwood Ghoul. Armando aumenta la pressione con un Raven’s Run Dragoon e costringe Riccardo ad un trade teschiato-ghoul. Nonostante si sia riuscito a liberare con un Gloomlance del duo bianco verde, Riccardo ora deve fronteggiare uno Kithkin Spellduster, che minaccia i suoi punti vita, visto che è l’unica creatura in grado di evadere i blocchi.un Flame Javeling (pagato 6 colorless!) si libera dei cavalieri elfici, e con un Aerie Ouphes, riesce a stabilizzare i danni volanti. Ora è il turno di Riccardo di infliggere danni, grazie ad un Lingering Tormentor. Giocando Tower Above su Woodlurker Mimic, Neri si libera anche definitivamente del Kitchen Finks. Armando però con un Aethertow ed un Repel the Intruder, si libera del tormentor, popolando il board di token, che gli permetteno di chumpbloccare le creature dell’avversario, e prendere tempo per pescare uno Indigo Faerie e uno Stillmoon Cavalier. Poi succede quello che non ti aspetti. Armando si dimentica di far volare il cavaliere, che gli avrebbe consentito di vincere infliggendo gli ultimi 4 danni volanti. Fortunatamente per lui l’alfa strike di Riccardo lo riduce a 1 punto vita, consentendogli di portarsi sull’1 a 0 con un turno di ritardo e un po’ di paura.

    Puoti 1 – Neri 0

    Dopo un canonico 5+3 per l’occasione sfumata, Riccardo sceglie di far partire l’avversario nella seconda partita..Armando entra sul board con una Restless Apparition, e poi rimane stappato per neutralizzare con un Repel the Intruder un Grazing Kelpie. Riccardo con un solo Sootwalker in gioco si trova ad dover arginare l’armata di Puoti arricchita da un Safehold Duo e uno Shell Skulkin skulkin. Nonstante un Flame Javelin (castato nuovamente a 6!) gli consenta di liberarsi del Duo, Riccardo, senza soluzioni, si trova a soccombere sotto il costante e pressante attacco dell’avversario.

    Puoti 2 – Neri 0



     
  • Sunday, 10:45 AM: Feature Match Round 10 - Patrizio Golia vs. Eugenio Nesi
    by Andrea “Pk” Panebianco
  • Entrambi tengono la mano iniziale e iniziano le ostilità dopo un paio di turni con creature piccole finché di quarto turno Patrizio scende un Voracious Hatchling e lo usa per attaccare: un Puncture Blast si porta via un bloccante, e l’altro non può far altro che morire sotto i colpi del cucciolo. Eugenio lo finisce con uno sparo e continua a rosicchiare danni con un Pili-pala, su cui poi si attacca una Presence of Gond, mettendo un serio clock all’avversario. Fortunatamente per Partrizio, arriva la soluzione sotto forma di Corrupt e la partita si ri-stalla finché un Valleymaker del milanese non comincia a picchiare duro sparando sui blocchi pescati di volta in volta dal suo avversario. Pochi turni e Patrizio è costretto alla resa.

    Golia 0-1 Nesi



    Più o meno stesso copione della partita precedente, compresa l’entrata di Voracious Hatchling di quarto turno per Patrizio e Harvest Gwyllion di quinto che toglie due segnalini dal cucciolo e lo fa attaccare per 4 danni. Eugenio poi prova a difendersi con Cultbrand Cinder e Old Ghastbark, e successivamente ancora con Scuttlemutt e Hoof Skullkin...ma il blocco a tre dei due golem e dell’albero (dopo che Puncture Blast s’è portato via il marchiatore) viene vanificato da Fate Transfer che sposta gli ultimi due segnalini -1/-1 del cucciolo e fa un vero disastro: rimane giù solo l’albero con un segnalino debilitante addosso e per Patrizio è il turno di Smoldering Butcher. Presence of Gond torna di nuovo a far capolino per Eugenio, che incanta l’albero e temporeggia, mentre il suo avversario mette una seconda Gwyllion e attacca in continuazione per cercare un varco, droppando poi un Needle Specter il turno dopo per cominciare l’offesa nei cieli, ma il suo primo attacco gli è fatale, bloccato da Aerie Ouphes finisce abbattuto senza pietà. La situazione sembra ribaltarsi ed Eugenio continua a giocare nuove creature (punti vita 28-10 per il suo avversario), ma si ri-stalla nuovamente perché anche Patrizio comincia a pescare le sue bestiole. Eugenio sembra in vantaggio dato dalle pedine 1/1 create dall’arbitro incantato, ma arriva il silver bullet per Patrizio: pesca la decima terra, sfrutta la Elsewhere Flask e un Corrupt violento come una punizione di Roberto Carlos fa il gol dell’1-1.

    Golia 1-1 Nesi

    La partita comincia in modo soporifero, e il primo drop è al quarto turno con patrizio che mette Sootwalkers come prima arma d’offesa. Risponde Eugenio con Savage Conception, poi Harvest Gwyllion di Patrizio e Vallymaker per il milanese...ma il gigante viene spazzato via da Gloomlance e la partita sembra prendere una piega decisa...almeno finché un simpatico Demigod of Revenge non scende in campo e minaccia di far partire una damage race rapida. Continua ad attaccare Patrizio senza timore, forte della superiorità numerica delle sue creature. Eugenio spara su un blocco ed il Demigod inizia a menare le mani, imitato dalle creature di Patrizio che porta a 6 il suo opponent. È tempo di trovare una soluzione, perché la partita si sta incanalando in una direzione favorevole a “Golizio”, ma Eugenio non può far altro che scartare una terra, riprendere Savage Conception e mettere una pedina a sua protezione. Due Gwyllion partono in attacco, forti del fatto di poter indebolire il supermanzo avversario in caso di blocco, ed infatti così avviene: Demigod e pedina dimagriscono a vista d’occhio e un campanello d’allarme inizia a suonare più forte: continuano gli attacchi senza quartiere, ma Eugenio si difende con le unghie e con i denti, a 5 punti vita. I due per qualche turno giocano creature senza mai attaccare, finché uno dei due Corrupt del mazzo non si materializza nelle mani di Patrizio: aiutato dalla solita Flask, un altro missile intercontinentale si schianta sul povero Eugenio che incassa la terza sconfitta in tre feature match fatti in questo weekend riminese.

    Golizia 2-1 Nesi



     
  • Sunday, 11:49 am : Feature Match Round 11 - Filippo Kratter vs. Manuel Alvisi
    by Bruno Panara
  • Primo Feature Match in carriera per Filippo Kratter che si sta affermando come un giocatore da temere nel panorama italiano. Manuel “il Samoano” Alvisi invece non è nuovo a questo tavolo, ma si lamenta che non gli portano molta fortuna.

    Il panno verde non porta fortuna a Kratter che è costretto a mulligare a 5, ma parte forte con Inkfathom Infiltrator e Noggle Bandit, seguiti un paio di turni dopo da Kinscaer Harpoonist. Manuel può solo giocare Wingrattle Scarecrow e Crabapple Cohort, che incantato con Gift of the Deity riesce a portarsi via il volante, ma gli imbloccabili sono troppo per lui, e portano a casa la partita in quattro turni.

    Filippo Kratter 1 - Manuel Alvisi 0

    Pure il secondo game è all’insegna del mulligan con entrambi i giocatori che scendono a sei carte. Manuel ha Mistmeadow Witch ma non cala drop a 3 fino al quarto turno, quando ha i mana giusti per Wilt Leaf Cavalier. Filippo parte ancora una volta aggressivo con Inkfathom Infiltrator, Dream Thief e Wingrattle Scarecrow. Lo stesso spaventapasseri si presenta dalla parte di Manuel, ma quando prova a bloccare Dream Thief non riesce a tradeare: Banishing Knack su un’altra sua creatura permette a Kratter di riprendersi il volante e ricastarlo pescando una carta.
    Ma Alvisi è preparato, arriva la side: Raking Canopy. Scendono anche Watchwing Scarecrow e Wildslayer Elves, mentre il suo avversario può solo fare Riverfall Mimic. L’Infiltrator non è abbastanza veloce per gareggiare con i mostri dell’ex-campione, il suo controllore prova a guadagnare tempo con Curse of Chains, ma due turni dopo è costretto a concedere e andare alla terza partita.

    Filippo Kratter 1 - Manuel Alvisi 1

    Entrambi i giocatori non sono convinti delle proprie mani, ma decidono comunque di tenele. Il Woodlurker Mimic di Manuel fa un trade col Wingrattle Scarecrow del suo avversario. Il quarto turno porta Wildslayer Elves e Thistledown Liege, ma gli elfi vengono eliminati con River’s Grasp, che rivela anche Unmake (che viene usato per eliminate il Liege) e Watchwing Scarecrow, che entra in gioco al turno seguente. Filippo innesta un motore di pescaggio con Illuminated Folio, e risponde al Wilt Leaf Cavalier del suo avversario con un Gloomlance. Scuttlemutt è il secondo spaventapasseri di Manuel, ma viene eliminato da Soul Reap. Manuel cala Raking Canopy, ma non riesce a fronteggiare il vantaggio carte procurato dalle Pagine: una creatura a turno e mano piena, dopo pochi turni Manuel concede e Kratter approda alla fase standard con un punteggio di 9-2, mentre Alvisi può ancora sperare sull’8-3.



     
  • Sunday, 11.50: Feature match Round 11 –Ivan Lanese vs. Nicola Albarelli
    by Andrea “Pk” Panebianco
  • Due sorprese al feature match dell’11° Turno: l’aostano (ma giocante a Bologna, puntualizz) Ivan Lanese, affronta il bresciano Nicola Albarelli per chiudere 3-0 questa porzione di draft e portarsi sul 9-2 nella generale.

    Entrambi tengono la mano iniziale, e Nicola parte subito con un Duergar Assilant, ma Ivan risponde dopo un turno con un grasso Wilt-Leaf Cavaliers e con Wildslayer Elves, fronteggiati da Wingrattle Scarecrow e da Barrenton Cragtreads. La situazione si stalla, mentre i due droppano creature e non trovano grossi spiragli per attaccare, finché un Quillspike entra e va a far combo con Aerie Ouphes e fa una strage dei volanti di Nicola: pescata fiacca, inferiorità numerica schiacciante e bassi punti vita fanno sì che il bresciano ammucchi e decida di giocarsi la seconda partita.

    Lanese 1-0 Albarelli

    Mulligan per Ivan, che però sembra contento dalla mano a 6 carte: Painter’s Servant il primo drop della partita, mentre arriva dall’altra parte una pelosissima Gloomwidow che dopo un attacco viene fronteggiata da Thistledown Liege, dopo che il Murkfiend Liege dell’aostano viene neutralizzato da Repel Intruders. Il vassallo bianco-blu viene però abbattuto da Puncture Bolt + Flame Jab, e quando il Quillspike fa la sua insolente entrata in scena la situazione sembrerebbe compromettersi per Nicola, che comunque conduce per 11-7 il conto dei punti vita.Ma il Raven’s Run Dragoon sta lentamente abbattendo i punti vita di Ivan che si trova a 4 a giocare Foxfire Oak come “Stopper” sui dragoni, altrimenti imbloccabili dalle sue bestie nere. La situazione si stalla per un po’, ma il vantaggio dato da Oona’s Grace è troppo grande e Nicola ben presto soverchia di creature il suo avversario, andando alla “bella”.

    Lanese 1-1 Albarelli



    Niente mulligan nel terzo game che si apre con Nettle Sentinel per Ivan e Rhys the Redeemed per Nicola, mentre Gianluca Filippini dal pubblico continua a puntualizzare su quello che scrivo dandomi fastidissimo, e sottolineando che Nicola Albarelli in realtà andrebbe definito l’ESPERTO Nicola Albarelli. Prendo nota, mentre Murkfiend Liege scende sul board di Ivan e minaccia di diventare un pericolo per l’avversario, che però ne sa tantissime e dalla cima del suo mazzo estrae Light from Within (e qui, dal pubblico si sprecano le gufate, mascherate da incitamenti pro-Albarelli). La situazione sembra essere nettamente favorevole al bresciano, e mentre viene brutalmente percosso, Ivan cerca di trovare una soluzione, inchiodato com’è pure a quattro terre (tutte verdi)...non semplice, ma in qualche modo la Gwyllion 4/6 che rischiava di essere una minaccia viene bloccata ed uccisa dal Liege UG, e Nicola deve pazientare, tentando di costruirsi un’armata con le pedine di Rhys. Quando queste diventano 12 c’è il primo assalto, e Ivan scende a 9 punti vita. La pescata successiva di Ivan è fiacca, le pedine diventano 16 e sulla successiva offensiva, il bresciano chiude i conti e vola a 27 punti.

    Lanese 1-2 Albarelli



     
  • Sunday, 12:50 AM: Feature Match Round 12 Besso – Parazzoli
    by Andrea ‘Vitello’ Vitali
  • Lo scorso anno David Besso e Dario ‘Sbiru’ Parazzoli erano entrambi nei top8. Quest’anno lottano per poter entrare ancora una volta nel gruppo dei giocatori che si contenderanno il titolo.

    Dario parte con un Birds of Paradise, e vede il suo Kavu Predator neutralizzato da un Rune Snag. La sua successiva creatura un Wilt-Leaf Liege, passa e David cerca la soluzione al problema con un Careful Consideration, scartando tra le altre un Platinum Angel. Tutto tappato deve subire 14 danni dal seguente attacco: Blanchwood Armor (4 foreste) sul bird e Might of Old Krosa sul Liege in main phase(+4+4). Quando Sbiru va entra nella successiva fase di attacco David tenta di salvarsi facendo un Makeshift Mennequin su Platinum Angel, andando a -1. Purtroppo per lui Dario ha in mano tre incanta creatura che targettando l’angelo lo fanno morire, e lo mandano sull’1 a 0.

    “Hai draftato bene!” David commenta così l’inizio dell’avversario che ha in gioco un Llanowar Elves e due Safehold Elite. Le creaturine vengono parzialmente tenute da due Wall of Roots di David, che limitano la perdita di vite. Quando scende il terzo muro, l’avanzata di Dario è fermata. La situazione sembra migliorata per David quando lancia un Mulldrifter, pescando due carte e migliora ulteriormente quando pulisce il board con un Firespout..Sbiru riesce ad infliggere 5 danni a David con uno Squall Line, quando questo si tappa per fare Makeshift Mannequin su Mulldrifter. Ma questo è l’ultimo acuto della sua partita. David lancia un Kitchen Finks e pareggia il conto quando Dario decide di concedere, a fronte dell’ennesima pescata mediocre.

    Tra le partite Dario propone la patta, ma David rifiuta cortesemente dicendo che il suo rating è troppo basso.

    Dario parte ancora con un Safehold Elite che viene pompata da uno Shield of Oversoul. David risponde con un Kitchen Finks. Dario pompa ancora la creatura con una Blanchwood Armor , trasformando l’innocente elfo in un mostro 7/7. Quando David prova a rimbalzare l’elfo con un Cryptic Command, Dario lo countera con un Avoid Fate. Per guadagnare un turno di Chump block Besso si tappa per un Mulldrifter e Dario ne approfitta per mettere in gioco a fine turno Scryb Ranger. La fatina verde viene uccisa da uno Slaughter Pact. David riesce così a ritardare di un turno la morte. Purtroppo per lui la pescata successiva non offre niente di utile per sopravvivere. Sbiru vince e continua la galoppata verso i top 8.

    Besso 1 – Parazzoli 2



     
  • Sunday, 12.54 pm : Feature Match Round 12 - Armando Puoti vs. Simone Locatelli
    by Bruno Panara
  • Ricomincia la fase standard di questi Campionati Nazionali e ci troviamo a seguire il match tra i primi due giocatori in classifica: Armando Puoti di Pescara, sul 10-1, e Simone Locatelli di Bologna sul 9-1-1. Puoti ha fatto 4-0 durante il primo giorno con il suo MonoRed, mentre Locatelli ha portato Elfi con un risultato finale di 2-1-1.

    Locatelli vince il sorteggio ma mulliga, partendo con un Llanowar Elves al secondo (che viene prontamente rimosso da un Mogg Fanatic) seguito da Tarmagoyf, che però incontra subito un Incinerate letale. Il Magus of the Moon di Puoti non sopravvive a un Terror, e l’Ashenmoor Gouger che arriva al turno successivo vede dall’altra parte del tavolo un Civic Wayfinder e Chameleon Colossus. Continuano ad arrivare creature per Locatelli, che cala Tarmogoyf e Imperious Perfect; il suo avversario non si lascia intimorire e rinfoltisce la sua armata con Blood Night e due Magus of the Scroll.

    Incinerate e un’attivazione di Magus (rivelando il terzo in mano) eliminano il Colosso, e Ashenmoor Gouger può iniziare ad attaccare. Profane Command e Slaughter Pact provvedono ad eliminare gli Scroll del pescarese, e dopo aver calato un altro Tarmogoyf il Bolognese può attaccare portando le vite a 12 pari. Un’attivazione di mago elimina l’Imperious Perfect, che però viene sostituito con il terzo Goyf. Dopo un attacco di un Treetop che si infrange contro Blood Knight e attivazione di Keldon Megaliths i Tarmogoyf diventano 4/5. Il turno successivo appare caratterizzato unicamente dalla giocata di Llanowar Elves da parte di Locatelli, ma a fine turno Puoti lo bersaglia con la sua Cursed Scroll ambulante, nominando Flame Javelin, e poi col giavellotto stesso, portandolo a 6. Il prossimo turno non porta niente al Bolognese che va a 4 dopo un’altra attivazione di Magus.

    E’ il momento di alpha strike per Simone, che però non riesce a infliggere sufficienti danni all’avversario. Rassegnato alla sconfitta Locatelli passa il turno, ma invece di attivare Ghitu Encampment ed attaccare con due creature contro una Mutavault e 2 vite del bolognese, Armando gioca Magus of the Moon, la Mutavault viene animata in risposta e blocca il Gouger. Fortunatamente il pescarese ha anche Blood Knight, che può bloccare sufficienti creature per dargli un’altro turno, quello di cui ha ora bisogno per vincere.

    Ma dopo un’occasione mancata Puoti viene punito da Locatelli, che pesca dalla cima del mazzo un altro Profane Command, che uccide il suo avversario lasciandolo a 1.

    Armando Puoti 0 - Simone Locatelli 1

    Partenza aggressiva per Armando: Magus of the Scroll, Blood Night e Ashenmoor Gouger. Per Simone dopo un Treetop Village arrivano dei Llanowar Elves e due Kitchen Finks, con una Mutavault a terra. Un Finks viene ucciso da Puncture Blast, l’Elfo trada con il Magus e l’altro Finks viene terminata da uno Shock. Magus of the Moon lascia Locatelli con solo tre montagne a terra, constringendolo a concedere pochi turni dopo.

    Armando Puoti 1 - Simone Locatelli 1

    Mana Boreal Druid, mana Imperious Perfect per Locatelli, mentre Puoti ha tenuto una mano di tre terre e quattro spari, quindi non ha creature da giocare ma un Incinerate per uccidere il lord degli elfi. Kitchen Finks e Wren’s Run Vanquisher (pagato 5) scendono per Locatelli, mentre Puoti ha pescato e castato Ashenmoor Gouger e Mogg Fanatic. Flame Javelin elimina il Vanquisher, Puncture Blast il Kitchen Finks e inizia la race del pescarese. Simone può solo calare un Treetop Village e con l’attacco successivo va a 9. Prova ad arginare le perdite con un Garruk Wildspeaker che crea un token Bestia, ma il pescarese rivela due Flame Javelin dalla mano ma a Locatelli non resta che concedere.

    Armando Puoti 2 - Simone Locatelli 1



     
  • Sunday, 2:03 pm : Feature Match Round 13 - Pasquale Capasso vs. Riccardo Neri
    by Bruno Panara
  • Sul punteggio di 9-3 si scontrano Pasquale Capasso di Napoli e Riccardo Neri di Modena. Il vincitore di questo match ha buone possibilità di poter pattare per entrare nei top8, mentre il perdente può combattere per i Pro Points in Palio nei top16.

    Montagna, Mogg Fanatic, Keldon Megaliths, Ghitu Encampment è la partenza di Capasso che svela la sua scelta di deck: monorosso. Neri invece mostra da subito più colori: Vivid Grove, Yavimaya Coast e Flooded Grove portano Kitchen Finks, mentre il suo avversario fa un paio di attacchi con Ghitu Encampment. Careful Consideration e Mulldrifter sono le successive giocate del modenese, mentre Pasquale è più aggressivo con Figure of Destiny e doppio Demigod of Revenge. Il secondo viene neutralizzato da Pact of Negation, ma quando Riccardo può finalmente passare il turno con terre stappate un Incinerate lo porta a 3. Venser prova a guadagnare un altro turno al mazzo Quick’n’Toast, ma una volta tappato deve soccombere a Flame Javelin.

    Pasquale Capasso 1 - Riccardo Neri 0

    La seconda partita inizia con un Mulligan a 6 per Riccardo, che però parte con due terre e Coldsteel Heart (chiamando rosso) evocando Mulldrifter al terzo turno. Nel frattempo Pasquale riesce a fare un paio di attacchi con Figure of Destiny prima di giocare Magus of the Moon, a cui Neri risponde con Firespout. Di nuovo Magus per il napoletano ma il suo avversario ha Pact of Negation. Nel frattempo Ashenmoor Gouger scende a fare dei danni, e quando Neri fa Primal Command guadagnando 7 vite e cercando Mulldrifter, Capasso prova Manabarbs: Negate. Il turno successivo uguale: Mulldrifter, Manabarbs, Negate. Neri però ha Reveillark in gioco, bloccando gli attacchi del monorosso. Capasso allora stalla il board con un terzo Magus of the Moon e inizia a mettere creature in tavola. Un paio di turni dopo fine turno Incinerate e Flame Javellin, poi Demigod of Revenge e Riccardo Neri concede con danni più che letali in stack.

    Pasquale Capasso 2 - Riccardo Neri 0



     
  • Sunday, 2:18 pm : Quick Interview 3
    by Bruno Panara
  • Qual’è il mazzo più forte in Standard con Eventide?

    Mario Pascoli “Spaventapasseri. E’ un mazzo inaspettato ed è una buona scelta di Metagame.” (Mario ha fatto 1-3 in standard, ndr)

    Filippo Kratter “Reveillark perchè vince da tutto meno che da tutti. Ha match-up umilianti per gli altri mazzi.”

    Marco Cammilluzzi “Elfi è il mazzo più solido del formato.”



     
  • Sunday, 3:17 PM: Feature match Round 14 Marco Cammilluzzi – Simone Locatelli
    by Andrea ‘Vitello’ Vitali
  • Chi vince è dentro, chi perde potrà guardare le fasi finali del torneo in mezzo al pubblico. E’ dentro o fuori tra Marco Cammilluzzi e Simone Locatelli.

    Parte Marco con un Mogg Fanatico, che infligge un danno e uccide un Llanowar Elves dell’avvversario. Poi si va di Bitterblossom e Nantuko Husk. Simone deve correre ai ripari, e lo fa con un Imperious Perfect..L’husk entra nutrnedosi di un Mogg War Marshall appena lanciato. Poi scende un secondo Bitterblossom. Tante pedine in gioco, ma molte di piu’ quelle dalla parte di Cammilluzzi, che assieme ad un Magus of the Moon fanno pendere l’ago della bilancia dalla sua parte.

    Cammilluzzi 1 – 0 Locatelli

    Side:

    Locatelli
    + 2 sudden spoiling
    + 3 kitchen finks
    + 2 krosan grip
    - 4 imperious perfect
    -2 garruk
    -1 civic

    Cammilluzzi:
    - 4 shadow guildmage
    - 4 toughtseize
    + 4 avalanche rider
    + 4 fulminator mage

    Questa volta è Simone ad aprire le ostilità con un Wren’s Run Vanquisher,fronteggiato da un Mogg War Marshall dell’avversario, che lo chumpblocca. Si aggiungono alla lotta da una parte un Kitchen Fink e dall’altra un Bitterblossom. Simone inizia ad attaccare con tutto (compreso un Mutavault e un Treetop Village), con continuità, costringendo l’avversario a chumpbloccare.pur con qualche perdita causata da un Marsh Filter.Le cose sembrano migliorare per Marco quando scende in gioco un Grave Pact. Questo permette a Marco di pulire il board. Poi grazie ad un Torrent of Soul su un Marsh Filter Marco passa al contrattacco infliggendo17 danni in un solo turno e lasciando a Locatelli in bilico tra la vita e la morte. Grazie ad un Profane Command su un Kitchen Finks , Simone risale a 10 vite, ma deve arrendersi ad un secondo Torrent of Soul sempre sulla solita Filter, che manda Marco diritto nei top 8.

    Cammilluzzi 2 – Locatelli 0



     
  • Sunday, 4:21 pm : Swiss Rounds Wrap-Up (English)
    by Bruno Panara
  • 194 players sat down on Saturday morning to start the climb to the Italian National Champion title. All eyes were on Mario Pascoli, who won the trophy last year and is having a great season that has seen him playing in the final of PT Kuala Lumpur, in the top24 of PT Hollywood and in various GP day2s, putting him currently in second place in the Player of the Year race.

    Day one was four rounds of Standard followed by four of Llorwyn-Morningtide Booster Draft. At the end of the day it was relative unknown Armando Puoti sitting on top of the standings with an 8-0. Following closely were six players on 7-1, including experienced pro William Cavaglieri, back-to-back National Champion in 2005 and 2006 Manuel Alvisi and professional snowboarder Filippo Kratter. Most of the big names were still in contention for top8, notable exceptions were Mario Pascoli, victim of many unlucky matches during the day, and GP Rimini 2003 winner Domingo Ottati.

    Only 116 players showed up to fight for the prizes on Sunday morning, they would be drafting three rounds of Shadowmoor and then playing three round of Standard to determine the top8. After the limited rounds Puoti was looking strong with only one loss, followed by Simone Locatelli who 7-0’d the limited rounds and was sitting on one loss and a draw. William Cavaglieri and Filippo Kratter only needed a win to make it into the final 8, while Manuel Alvisi and pro-players David Besso (who 7-0’s the limited portion as well) and Marco Cammilluzzi had to win at least two.

    As the dust settled Armando Puoti was still in the lead with 35 points, following him Tommaso Chiodi on 33, William Cavaglieri, Filippo Kratter and long-time player Nicola Albarelli on 32. Four players were waiting on 31 points, unfortunately Pasquale Capasso was the one with the worst tie-breakers and came in ninth. Rounding up the top8 are Marco Cammilluzzi, Alvise Gorghetto and Samuele Estratti.

    Who will be crowned 2008 Italian National Champion? Follow the live coverage (in English) on this page!

    • Planeswalker Points
    • Facebook Twitter
    • Gatherer: The Magic Card Database
    • Forums: Connect with the Magic Community
    • Magic Locator